Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

La grande truffa del Black Carbon (da www.motocivismo.it)


Articolo postato il: 10/04/2012
Autore: Andrea Trentini

Il Comune di Milano, per giustificare i “motivi di salute pubblica”(1) dell’implementazione di AreaC, sta facendo un grande battage sul cosiddetto “Black Carbon“.
Il Black Carbon è, usando le parole del Comune stesso, “… il composto più tossico e nocivo per la salute umana presente nel particolato fine“.
Non esistono normative europee che stabiliscano una soglia da rispettare nell’aria cittadina, però abbiamo trovato documentazione SCIENTIFICA che stabilisce la pericolosità del Black Carbon, l’ente governativo statunitense OSHA cita il livello di 3,5 mg/m3 (milligrammi per metro cubo) come pericoloso e da non superare.
Quindi la domanda ovvia che ci viene in mente è: “quali sono i livelli di Black Carbon misurati nell’aria di Milano?”.
Sul sito del Comune NON c’è risposta, vengono sempre citate VARIAZIONI PERCENTUALI.
Abbiamo trovato un documento che cita qualche misura (slide 13) parlando di valori percentuali rispetto al PM10 (i valori citati sono 8,9 e 6,2), arrotondiamo pure a 10% del PM10.
Facciamo due conti…
Il PM10 a Milano viaggia su ordini di grandezza delle decine di microgrammi per metro cubo (fonte ARPA), abbondiamo pure a 100 microgrammi/m3. Un milligrammo corrisponde ad 1/1000 (un millesimo) di grammo; un microgrammo corrisponde ad 1/1000000 (un milionesimo) di grammo. Per fare un milligrammo servono mille microgrammi.
QUINDI il Black Carbon misurato a Milano è il
10% (1/10) di 100 microgrammi/m3 cioè
100/10 microgrammi/m3 cioè
10 microgrammi/m3
che rispetto alla soglia di attenzione stabilita da OSHA è
(10/1000000)/(3,5/1000) = 1/350
cioè il Black Carbon MISURATO a Milano è trecentocinquanta volte più BASSO della soglia che OHSA raccomanda di non superare!!!
A questo punto il dubbio viene naturale: perché preoccuparsi di tale sostanza!?

Articolo originale su motocivismo.it

(1) Le motivazioni addotte per l’AreaC sono due: riduzione del traffico e salvaguardia della salute. Il primo risultato è ovvio (tassando gli ingressi entrano meno veicoli), il secondo è molto discutibile.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!