SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia
Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it

Cosa chiediamo

Come spiegato negli articoli presenti nel sito, la politica alla viabilità del comune di Milano è del tutto inadeguata a risolvere i problemi del traffico e dell' inquinamento che attanagliano la nostra città. Essa ha come unico risultato un aumento dei disagi che i cittadini devono sopportare.
Per combattere traffico ed inquinamento è necessaria una politica articolata e di largo respiro, e i risultati non possono essere immediati. Le nostre proposte sono raccolte nella sezione “Come far fronte realmente al problema del traffico e dell' inquinamento”. Vi sono però alcune cose che possono essere fatte subito, ovvero la revoca di quelle misure sin qui prese, che come unico effetto hanno quello di comportare disagi aggiuntivi per i cittadini. Chiediamo perciò:
  • L' abolizione del parcheggio a pagamento serale.
  • La revoca dell' allargamento del gratta e sosta fino alla cerchia della 90 e ovviamente la rinuncia al suo allargamento a zone ancora più periferiche.
  • La sostituzione del sistema strisce gialle/strisce blu con sistemi di regolamentazione della sosta più flessibili e razionali.
  • L' apertura delle corsie preferenziali durante la notte.
  • Lo stop alla creazione di isole ambientali e simili, riapertura di una parte di quelle esistenti, ad esempio quella di corso di Porta Ticinese.
  • L' abolizione dell' Eco Pass
  • Lo stop allo sconsiderato allargamento dei marciapiedi e il riallargamento della carreggiata ove si sono venuti a creare inutili colli di bottiglia.
  • Lo stop alla inutili risistemazioni dei marciapiedi che eliminano posti per parcheggiare.
In più auspichiamo:
  • L' individuazione di metodi per il lavaggio delle strade che non richiedano il divieto di sosta (in parte, per fortuna, cosa già realizzata)
  • Evitare che la raccolta dei rifiuti abbia luogo nelle ore di punta.
  • Per il futuro, la rinuncia all' introduzione della sosta a pagamento anche per i residenti.
  • La razionalizzazione delle piste ciclabili.
  • La razionalizzazione dei limiti di velocità.